Squared dai Labs Google per le ricerche comparate

Decisamente un periodo di grande fermento per Google, così dopo Wave mi trovo a scoprire ancora un altro prodotto, questa volta in uscita dai Labs: Squared.
Google Squared è un tool di ricerca che vi aiuta rapidamente a costruire collezioni di fatti in base a topic da voi specificati.

  • I risultati sono organizzati in una tabella di oggetti ed attributi(chiamati appunto”squares”).
  • Questi Squares possono essere personalizzati proprio per avere la vista e l’organizzazione più consona ai vostri scopi.
  • Nella tabella potete vedere e gestire i siti che fungono da sorgenti per essa.
  • Potete inoltre salvare e condividere gli Squares con altri utenti.

Questo brevissimo video vi da una idea di cosa potete farci

Ad MAiora

WAVE: La nuova onda Google per la comunicazione sul Web

Pochi giorni fa Google, il colosso di Mountain View, ha presentato in anteprima, il nuovo software Wave. Wave è un tool che gira completamente nel browser(sviluppato con Web toolkit ) e che potrebbe, fra non molto tempo, cambiare il nostro modo di comunicare sul Web. Infatti al suo interno integra, in modo semplice ed immediato, i diversi strumenti a cui oggi siamo abituati per le comunicazione: E-mail, Istant Messaging, Blogging, photo-sharing, gruppi di discussione, e molto altro.

Tutto ridisegnato e progettato dal geniale gruppo di sviluppo che solo un paio di anni fa ha rilasciato “maps” il famoso software di Google per la navigazione. Proprio come “maps” anche Wave avrà a corredo un ricco ed esteso set di API(Application Programming Interface) che permetterà a chiunque di estendere ulteriormente le sue funzionalità, esattamente come succede con Maps o Firefox con le sue estensioni.
Wave promette di rendere ancora più immediata, collaborativa e produttiva la comunicazione sul web.
Godetevi il video, che, anche se un po’ lungo, riserva veramente novità entusiasmanti.
Per saperne di più su Wave vi consiglio:

Ad MAiora

Gmail è ora offline …anche!

Novità molto molto interessante ed utile dai Labs Google di Gmail, è infatti disponibile, ancora in via sperimentale solo per gli utenti con l’interfaccia impostata con la lingua inglese, la modalità offline del noto webmail Google. Questa modalità, facendo uso di una cache (gestita con Gears)locale sul vostro computer, permette di continuare ad usare Gmail anche quando non avete disponibile la connessione internet. Capita spesso che mentre si lavora o comunque si usa la posta elettronica da casa, improvvisamente la linea ADSL inizi a fare i capricci e ci si trovi impossibilitati a leggere e cercare i messaggi dalle vostre caselle Gmail; con questa nuova modalità il software Gmail consente, accedendo alla cache, di continuare a leggere, cercare, etichettare e scrivere i vostri messaggi come se si fosse effettivamente collegati, è anche possibile creare e spedire nuovi messaggi, che il programma metterà nel posta in uscita ed invierà non appena sarà disponibile la connessione internet.

Per chi vuole provare questa nuova feature non ancora completamente priva di bugs, mi segua in questo brevissimo tutorial(ricordate che le funzionalità dei LAbs sono disponibili solo in lingua inglese):

  1. Aprite Gmail ed andate nella sezione Settings(link in alto a destra), quindi fate click sulla tabella Labs.
  2. Selezionate “Enable” a fianco alla voce “Offline Gmail“.
  3. Fate click su “Save Changes” (ovviamente non ne parlo qui ma se volete potete dare una occhiata alle altre interessanti funzionalità dei Labs).
  4. Dopo che il browser si è ricaricato, vedrete un nuovo link “Offline” nell’angolo in alto a destra del vostro account, subito a fianco al vostro username. Fate click su questo link per iniziare il processo di installazione di Gears(se già non lo avete installato) e della funzione Offline.

Un volta terminata l’installazione e riavviato il browser, troverete una icona Gmail sul vostro desktop da usare quando siete offline e scoprirete che è anche possibile utilizzare una modalità denominata “flaky” che si può attivare quando invece la connessione c’è ma è debole, per esempio quando vi connettete “a sbafo” al wi-fi del vicino, modalità che gestisce in modo intelligente diciamo light il traffico verso i server di Gmail.

La funzionalità offline appena installata lavorerà in maniera trasparente a voi, scaricando gradualmente nella cache del vostro computer i messaggi contenuti nel vostro account Gmail, l’unico segno che la funzione è al lavoro è una iconcina verde con due freccine che girano, posizionata nell’angolo in alto a destra della pagina di Gmail; passandoci sopra con il mouse appare una finestrella che indica quanti messaggi sono stati già scaricati ed a quanti giorni indietro è arrivato lo scarico. Da questa icona è poi possibile interrompere il processo di sincronizzazione con la cache, oppure accedere ai settaggi della funzione offline.
Buon lavoro e…
Ad MAiora

Come personalizzare iGoogle con le tue foto

Dopo una pausa di circa tre mesi, principalmente dovuta a un importante parentesi professionale, torno a scrivere i miei appunti di lavoro su questo blog.
Riapro questo mio diario rimbalzando una notizia di pochi giorni or sono sull’ultima creatura software dei Labs di Google: iGoogle Theme Creator. Questo strumento, per il momento disponibile solo per gli utenti di oltreoceano (US), permette in maniera semplice ed intuitiva, almeno stando a quanto dicono in Google, di personalizzare con foto o immagini la propria pagina iGoogle; così senza conoscere un bit di XML ogni patito di Google potrà rendere veramente unica la sua Google home page, creando un tema con le foto dei propri momenti migliori da sfoggiare nel suo browser.
Il tool per realizzare i temi personalizzati è dotato di una facile interfaccia per caricare le proprie immagini e fare alcune operazioni di editing basilari per adattarla alla pagina di iGoogle:

  • Ritaglio immagine – necessario per adattare la foto al tema iGoogle
  • Palette di colori – per scegliere i colori degli elementi del tema
  • Preview in tempo reale- anteprima dei cambiamenti per avere immediato riscontro del lavoro fatto
  • Publicazione Pubblica oPrivata -lo strumento consente di decidere se mantenere privato il tema o pubblico e quindi visibile da tutti.

Come scritto sopra, l’iGoogle Theme Creator non è ancora disponibile per gli utenti al di fuori degli Stati Uniti e di conseguenza non ho potuto giocarci ancora direttamente, ma se qualcuno è impaziente di pesonalizzare la propria pagina o di creare un proprio tema, segnalo che è già disponibile, oltre alla più tecnica iGoogle API , uno strumento per realizzare il vostro progetto:

Augurandovi buon divertimento con i temi di iGoogle, approfitto anche per farvi i miei “posticipati” Auguri di Buon Anno (…non ci volevo proprio rinunciare)

Ad MAiora

Chatta con Google Talk e iPhone


Da qualche tempo Google ha rilasciato una nuova versione(per ora solo in inglese) dell’applicazione Talk specificatamente migliorata per integrarla con l’iPhone. Infatti ora dal vostro melafonino è sufficiente aprire il browser Safari ed andare direttamente a Google Talk con questo indirizzo:www.google.com/talk
In questo modo Google Talk gira completamente all’interno del browser senza necessità di scaricare plugin o software aggiuntivi.
Ovviamente “chattare” con Talk sull’iPhone ha alcune differenze rispetto al suo uso sul computer, per esempio se passate da Google Talk ad un’altra applicazione dell’iPhone il vostro stato passerà a “non disponibile” e quando ritornate a Talk la sessione ricomincerà.

Comunque gli sviluppatori di Mountain View hanno fatto del loro meglio per mantenere l’interfaccia grafica il più simile possibile quella che si vede sul computer al fine di rendere l’esperienza utente facile ed amichevole.
Io per mia convenienza ho salvato la pagina di Talk come widget per la home page dell’iPhone così da poter accedere più velocemente alla pagina di chat. Per fare ciò dal browser Safari dell’iPhone è sufficiente cliccare sull’icona “+” per aggiungere la pagina ai preferiti e poi selezionare la voce “Aggiungi a Home”
così potrete avere l’icona di Google Talk direttamente nell’elenco delle applicazioni di iPhone sulla sua Home:

Allora buone chiacchierate e come sempre…
Ad MAiora